Tematiche

Queste le tematiche di cui occupa il Gruppo Crisis Camp Italia

 

Social Media per Emergency Management e oltre

La gestione delle informazioni in tempo reale: attori, bisogni, tecnologie.

Con il web 2.0 è iniziata una rivoluzione, la post-Gutenberg revolution, che ha mutato gli equilibri e dato “voce” alla “folla”.
Le persone possono interagire tra loro e diventare produttori d’informazione.
Quale ruolo possono avere i social media in una crisi o in un’emergenza?
Denuncia, supporto, informazione?
Esistono dei fattori di rischio nel flusso d’informazione generato dai social media?
(#smem)

Geolocation & Mapping
Standards, cartografie e crowdmapping in tempo di pace e in emergenza.

Quali gli strumenti?
Quali contenuti?
Quali esperienze di successo?
E come è possibile esportarle in altri contesti riducendo il time-to-operational?
(#crisismapping)

Volontariato, volontari, volontarismo
Ruoli, competenze, organizzazione delle nuove comunità tecniche di volontari (Volunteers Technical Communities).
(#vtc)

Comunicazione e Citizens Journalism
La conoscenza che i giornalisti, specialmente quelli locali, hanno del territorio può rappresentare una risorsa per gestire l’informazione in un momento di crisi. Come possiamo coinvolgerli?
(#citizenjournalism)

Citizens as Sensors
Il monitoraggio è il primo passo per la prevenzione dei rischi. I cittadini, che vivono il proprio territorio, conoscono i rischi, conoscono la storia, conoscono l’evoluzione del territorio. Come coinvolgere i cittadini? Quali strumenti culturali e tecnici? Come portare la conoscenza scientifica verso i cittadini senza semplificazioni, ma con semplicità, perché trasformare le osservazioni in monitoraggio? Da dove partire?
(#citizensensors)

Previsione, Allerta, Allarme
Le recenti emergenze che hanno avuto luogo in Italia hanno scatenato discussioni e anche polemiche sulla previsione e sull’allerta. Passare ad esempio da una previsione meteo tecnica e per addetti ai lavori, alla previsione puntuale, comprensibile e condivisa può migliorare la resilienza? E come si traduce in allerta e poi in allarme? Cosa dice la normativa?

Per discutere su ogni tematica o proporre nuovi argomenti Google Group Crisis Camp Italy»