Ancora sull’emergenza in Liguria e Toscana

Dopo le giornate terribili della scorsa settimana e un lungo fine settimana che è servito più che altro a permettere a chi si trovava sul posto di lavorare alacremente, la condizione meteo sembra volgere nuovamente al peggio per Lunigiana, spezzino, Val del Magra e tutte le aree interessate dall’alluvione. Infatti, secondo le previsioni una perturbazione atlantica sta per giungere da ovest, investendo con la sua pioggia proprio quei territori

Gli ultimi aggiornamenti, come sempre, seguendo #alluvione25ott.

Dal sito del Giornale della Protezione Civile si apprende della preoccupazione di Franco Gabrielli, capo del Dipartimento. Le sue parole, ancora una volta, ci fanno tornare a quello che ci siamo portati a casa dal Crisis Camp di Parigi: più che pensare alle previsioni (che comunque devono essere tenute in debito conto), quello che fa davvero la differenza è essere preparati. Crediamo che la situazione in Italia in questi giorni non potrà che essere uno dei momenti di discussione più ampi del Crisis Camp del 19 novembre a Bologna, no?

 

 

6 thoughts on “Ancora sull’emergenza in Liguria e Toscana

  1. COndivido in pieno! Collaborazione e Preparadness mi sembrano le parole chiave dell’emergenza. E spero che il cambiamento che il web sta portando nell’informazione sia una spinta per modificare e migliorare le capacità di comunicare e di informare.
    Essere pronti significa soprattutto essere informati, perché così si possono compiere scelte e agire per la propria salvaguardia. Informare bene e diffusamente è quindi un dovere dei tecnici, della comunità scientifica e dei media.
    Un argomento vasto che come dice Marco dovrà essere al centro del nostro incontro.

    Nota: la perturbazione investirà piemonte, liguria e toscana.
    Il centro funzionale della Protezione Civile della Regione Liguria comunica che in Liguria l’allerta meteo è di livello 2 [SCENARIO IDROGEOLOGICO 2: innalzamenti significativi dei livelli idrici negli alvei e tali da provocare LA FUORIUSCITA DELLE ACQUE, EROSIONI SPONDALI, LA ROTTURA DEGLI ARGINI, IL SORMONTO DI PASSERELLE E PONTI, L’INONDAZIONE DELLE AREE CIRCOSTANTI E DEI CENTRI ABITATI. Probabile innesco di FRANE e SMOTTAMENTI dei versanti in maniera DIFFUSA ed ESTESA; ELEVATA PERICOLOSITA’ per l’incolumità delle persone e beni. CRITICITA’ IDROGEOLOGICA: Elevata.]

  2. Pingback: Crisis Camp Italy: gestire le emergenze grazie al Web 2.0 · Global Voices in Italiano

  3. Pingback: ORENT » Crisis Camp Italy: gestire le emergenze con il Web 2.0

  4. Pingback: Crisis Camp Italy: Using Web 2.0 to manage emergencies · Global Voices

  5. Pingback: Crisis Camp Italy: Using Web 2.0 to manage emergencies :: Elites TV

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...